Giallo Fiori, nuovo magistrato e indagine per omicidio

Soncino, 24 settembre 2018

Qualcosa si muove nell’inchiesta della scomparsa di Alessandro Fiori. In Turchia nei giorni scorsi è cambiato il magistrato che aveva l’incarico di indagare sulla scomparsa e sulla presunta morte era assassinio del manager di Soncino. L’avvocato turco della famiglia soncinese ha ottenuto un appuntamento con il nuovo giudice e gli ha fatto notare i risultati dell’autopsia eseguita al 30 di marzo e depositata il 30 maggio, all’indomani del ritrovamento nel Bosforo del cadavere del 33enne manager di Soncino. Il magistrato ha letto per la prima volta le risultanze dove appare chiaro che Alessandro Fiori è stato ammazzato con un colpo molto forte alla testa portato con una sbarra presumibilmente in ferro. A quel punto il magistrato si è dichiarato disponibile ad aprire un fascicolo per omicidio e a indagare a fondo sul caso. La famiglia in Italia si è dichiarata molto sollevata dalla decisione del giudice e nel frattempo ha chiesto l’accesso agli atti nel tribunale di Roma inerenti al fascicolo Fiori, atti nei quali potrebbero esserci le risultanze dell’autopsia eseguita ai primi di aprile a Milano. Tutto questo apre un nuovo scenario nelle indagini della scomparsa del 33enne manager soncinese, approdato a Istanbul il 12 marzo e sparito dalla circolazione il giorno successivo dopo essere stato derubato da un tassista.

Nelle foto, Alessandro Fiori e il manifesto esposto dalla famiglia a Istanbul

© Riproduzione riservata

Share on Facebook